Reliquie

reliquia san sebastiano.jpg

A seguito della ricezione di numerose richieste per l’invio di reliquie appartenenti a San Sebastiano, sottolineando che NON ci è permesso donare, inviare o spedire alcun materiale inerente il nostro Santo patrono, trascriviamo alcune delle norme generali stabilite dal Vicariato di Roma in merito (il documento completo è scaricabile a fondo pagina).

 

Decreto del card. Angelo De Donatis, Vicario Generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma, dato in Roma il giorno 18 ottobre 2018.

 

[…]

L’Ufficio Liturgico del Vicariato di Roma è responsabile della custodia materiale delle reliquie, nelle forme indicate dall’Ordinario diocesan, nonché di ricevere le singole richieste che a diverso titolo pervengono al Vicariato […]

 

Reliquie non insigni

Per reliquie non insigni si intendono: “Piccoli frammenti del corpo dei Beati e dei Santi o anche oggetti che sono stati a contatto diretto con le loro persone”.

La Lipsanoteca diocesana è in grado di concedere solo reliquie di Santi e Beati la cui morte è attestata dopo il V secolo.

 

Le reliquie sono concesse unicamente per il culto pubblico. Nella richiesta deve essere specificato in quale edificio sacro, o altro luogo destinato al culto divino, le reliquie saranno custodite ed esposte alla venerazione dei fedeli; nonché, almeno in modo sommario, le modalità dell’esposizione.

 

Le reliquie devono essere richieste direttamente dall’Ordinario diocesano competente, alla cui autorità è sottoposto l’edificio sacro di cui sopra.

 

La domanda dell’Ordinario diocesano deve essere indirizzata per iscritto in forma cartacea all’Ordinario diocesano di Roma, che la trasmette al Direttore dell’Ufficio Liturgico del Vicariato di Roma. Non si accolgono richieste pervenute in altra forma (es. per email).

 

Scarica il pdf del Decreto

Confidiamo nella Vostra comprensione.